Octavia Wagon Scout, Skoda country e tuttoterreno

da Torino

Suv e dintorni attirano sempre più interesse, tanto da originare un nuovo filone di vetture. Tra le molte proposte arrivate di questi tempi, sono però ben poche quelle che abbinano al look country anche la presenza della trazione integrale. A questi parametri, invece, s’adegua la nuova Skoda Octavia Wagon Scout. Offerta con due motori da 2 litri (Un benzina FSI a iniezione diretta da 150 cv e un turbodiesel da 140 cv con filtro anti-particolato) la Scout si distacca dalle Octavia 4x4 soprattutto per l’allestimento esterno. Si presenta, infatti, con una statura più alta, dovuta un po’ alle barre portatutto e ai cerchi da 17” con pneumatici invernali standard e molto alle sospensioni rialzate che innalzano la distanza da terra di 23 mm rispetto a quella delle normali versioni 4x4, portandola a 18 cm.
A sottolineare la sua personalità provvedono, inoltre, i fascioni paracolpi in tinta contrastante la carrozzeria, che delineano il perimetro della vettura generano anche scudi paraurti prorompenti, e le protezioni per il sottoscocca. All’interno alcuni dettagli, come la maniglia sulla plancia dal lato del passeggero, tradiscono l’indole della Scout, mentre il suo status di Octavia trendy è dato dall’equipaggiamento che include anche il cruise control e i fari allo Xeno in aggiunta a tutto ciò che si rivolge alla sicurezza e al comfort. Un insieme di modifiche che decreta prezzi di 27.940 euro per la Scout 2.0 FSI e di 28.940 euro per la 2.0 TDI.
Su strada la Scout, a dispetto di un assetto un po’ incline al rollio in curva, si rivela affidabile e maneggevole, mettendo sul piatto della bilancia anche un buon comfort dinamico e acustico.