Odette, buonista e innamorata cura lo scrittore depresso e cornuto

Lezioni di felicità di Eric-Emmanuel Schmitt è, in originale, Odette Toulemonde, cioè Odette (come) Tutti. E così s'intitola anche in italiano il libro buonista all'origine del film. Ma lei (Catherine Frot) non è come tutti; è un'Amélie Poulain invecchiata, «cuor contento, il ciel l'aiuta» che - al posto del cielo - ha messo uno scrittore (Albert Dupontel) di cui lei conosce ogni riga. In effetti lei lo colpirà, anche se non proprio per il fascino. Dopo il figlio gay e la figlia triste, Odette si farà dunque carico anche di lui, depresso e cornuto, ma soprattutto triste di esser letto da sartine come Odette! Se Schmitt avesse evitato l'autobiografia dichiarata, se avesse evitato gli stacchi canterini, Lezioni darebbe serenità, se non felicità.

LEZIONI DI FELICITÀ di Eric-Emmanuel Schmitt (Francia/Belgio, 2007), con Catherine Frot, Albert Dupontel. 104 minuti