Le offese al politico si pagano 17 volte meno

da Milano

La senatrice azzurra e sottosegretario alla Sanità Elisabetta Casellati è «sbalordita» per la condanna inflitta a Giancarlo Galan che dovrà pagare 260mila euro di risarcimento a due ex caporedattori della sede regionale della Rai di Venezia per danni morali.
L’esponente di Forza Italia, infatti, ricorda un episodio abbastanza recente «grazie al quale - spiega - posso misurare in tutta la sua stupefacente dimensione la notizia della condanna inflitta al presidente del Veneto». «Non mi riferisco alla palese insensibilità verso quanto dichiarato dalla Costituzione riguardo alla libertà d’opinione e, pertanto, della necessità di mantenere il rispetto più assoluto del principio della critica politica, bensì mi riferisco all’incredibile risarcimento in euro cui dovrebbe far fronte il governatore Galan».
Ricorda il sottosegretario alla Sanità: «La sottoscritta, per essere stata pesantemente e volgarmente offesa sia come donna sia come politico a mezzo stampa - ma non nei termini dei due giornalisti Rai criticati quali facenti parte di una specie di “soviet” - fu risarcita con circa 15mila euro, mentre a Galan la vicenda giudiziaria costerebbe 260mila euro. Nessun commento».
La senatrice di Forza Italia fa riferimento a una vignetta di Vauro che la rappresentava con un microfono in mano con chiarissimi riferimenti a oscenità sessuali.