Offre 2 euro al rapinatore «buffo»

La reazione della donna ha fatto fuggire il malvivente

da Ventimiglia

È probabile che ci siani molti modi per rapinare un negozio, ma quello scelto da un ignoto malvivente, che si è infilato un sacchetto di plastica blu in testa per derubare una tabaccaia, certamente non è il più indicato. Se poi si aggiunge che l’uomo in questione non è neppure un professionista delle rapine, si capisce perchè il «colpo» non sia riuscito e il criminale sia invece fuggito a gambe levate senza nemmeno il becco di un quattrino. La vicenda è accaduta nella tarda mattinata di ieri a Ventimiglia quando la tabaccaia in questione all’improvviso si è trovata davanti un uomo che si era messo un sacchetto di plastica blu sulla testa, con tanto di fori per gli occhi. L’uomo si dimenava agitando la mano destra con cui impugnava un taglierino. Ma non parlava. Probabilmente riteneva che il travestimento fosse sufficiente per rendere esplicite le sue intenzioni. Ma la tabaccaia, che in quel momento pensava ad altro, non ha affatto realizzato di trovarsi di fronte ad un rapinatore. Anzi, le sembrava che quel tizio fosse un po’ buffo conciato in quel modo. Per cui gli ha chiesto educatamente cosa volesse. «Money, money», ha risposto l’aspirante rapinatore tradendo la sua origine straniera. Allora la donna, per nulla impressionata, gli ha allungato due euro. «Cento, ne voglio almeno cento...» ha urlato di rimando. E solo allora la tabaccaia deve aver capito che si trovava di fronte ad un criminale. E con quanto fiato aveva in gola ha cominciato ad urlare a squarciagola. E l’uomo, preso alla sprovvista, è fuggito via senza neppure prendere i due euro.