Le offrono soldi per sesso, si ribella e la molestano sul bus

Hanno chiesto ad un’ucraina sola in autobus una prestazione sessuale in cambio di 100 euro e - al suo rifiuto - hanno iniziato a molestarla. Fino all’intervento dell’autista, che ha lanciato l’allarme e fatto arrestare due marocchini pregiudicati e clandestini. I nordafricani, di 30 e 37 anni, erano saliti l’altra sera verso mezzanotte sulla linea 82 alla stazione centrale contemporaneamente ad una badante ucraina. Durante la corsa hanno offerto soldi in cambio di sesso alla donna, 39 anni. La donna ha rifiutato ma i due l’hanno spintonata e uno l’ha bloccata usando una stampella che aveva con sé. Sentendo le grida d’aiuto l’autista di 45 anni ha bloccato il bus all’altezza di via Livigno e ha dato l’allarme alla centrale. La chiamata è stata girata ai carabinieri che, arrivati in pochi istanti, hanno bloccato un marocchino mentre tentava la fuga e l’altro ancora sull’autobus. Sono stati arrestati per violenza sessuale che, oltre allo stupro vero e proprio, ora comprende anche le molestie, e sono stati denunciati per interruzione di pubblico servizio.