Oggi da Bruxelles l’atteso ok al piano

Alitalia

È atteso per oggi l’ok da parte della Commissione europea al piano industriale di Alitalia. Un’approvazione che però, secondo quanto reso noto da Bruxelles la scorsa settimana, è subordinata al rispetto di quattro condizioni da parte di banche e governo. La prima prevede che Deutsche Bank si impegni formalmente e senza riserve a garantire il buon esito della ricapitalizzazione. La seconda riguarda il governo italiano che dovrà invece garantire la sua partecipazione all’operazione rispettando le stesse condizioni e gli stessi prezzi degli altri investitori privati. La terza condizione è una sorta di clausola di non ritorno, in base alla quale non dovrà esserci nessuna possibilità per le banche di non rispettare i loro obblighi. L’ultima condizione riguarda l’investimento di 216 milioni di Fintecna in Az Servizi. Le plusvalenze superiori al 25% devono essere girate ad Az Fly solo a patto che siano superiori alla quota di riferimento del 25% e solo al termine di tutte le cessioni previste o, comunque, dopo il 31 dicembre 2008.