Da oggi il comitato è senza tesoriere e segretario

Il comitato dell’Expo dovrà lavorare senza guida. Sono infatti scaduti ieri i termini dei contratti per la figura di segretario esecutivo e di tesoriere.
Il comitato di pianificazione per l’Expo 2015 dedicato al tema dell’alimentazione, dal titolo «Feeding the planet energy for life», quindi, proseguirà da oggi i suoi lavori senza il segretario esecutivo, figura ricoperta fino ad oggi da Paolo Glisenti e senza tesoriere, nella persona di Franco Camera.
A quanto si apprende da fonti interne al comitato, non è stata concessa la proroga alle due cariche direttive dell’organismo nato il 31 marzo 2008, all’indomani dell’assegnazione dell’esposizione universale a Milano. L’organismo di pianificazione è sorto sulle ceneri del comitato per la promozione della candidatura, con il compito di definire le linee guida della nuova società di gestione non appena sarà promulgata la legge speciale che detta la governance dell’evento. Le due cariche direttive avevano una durata di tre mesi, dal 1 aprile, giorno in cui il comitato di pianificazione è stato costituito durante una riunione a palazzo Chigi, fino al 30 di giugno.
Il comitato di pianificazione, anche se decapitato dei due bracci operativi, continuerà le sue attività: rimane infatti in vigore la carica del presidente, il sindaco di Milano Letizia Moratti.