Oggi l’incontro Murdoch-Tronchetti

Il presidente di Telecom e l’editore si vedranno in Grecia. Verso un’intesa sui contenuti

da Milano

Non più a Londra, ma in Grecia, con tutta probabilità a bordo del veliero di Rupert Murdoch ancorato nelle acque del Mediterraneo. Dovrebbe essere questo, salvo sorprese dell'ultima ora, il teatro dell'incontro tra il presidente di Telecom Italia Marco Tronchetti Provera e il magnate dell'editoria australiano, fissato per raggiungere un accordo di massima per la distribuzione dei contenuti di News corp sulla banda larga della società di tlc. Un'intesa che dovrebbe riguardare non solo l'Italia, ma anche Francia, Germania e alcuni Paesi dell'America latina.
Se Telecom punta all'en plein dei contenuti di News corp, Murdoch guarda con interesse all'espansione su una rete, quella della telefonia fissa, in grado di raggiungere tutte le famiglie italiane e, in prospettiva, anche di consentire alla pay tv di affiancarla al satellite e in futuro ai sistemi wimax e wi-fi. Viceversa le due società hanno chiarito a più riprese di fronte alle voci che per giorni hanno continuato a ipotizzare accordi di tipo azionario, che al centro della trattativa ci sono esclusivamente intese commerciali sui contenuti del gruppo australiano, che la società di tlc intende acquisire per irrobustire e rendere più appetibile l'offerta della banda larga su cui ha realizzato massicci investimenti.
Per quanto riguarda l'Italia si tratta dei contenuti a pagamento (fondamentalmente calcio e cinema) e di quelli cosiddetti basic (Fox television, film): se riuscisse ad aggiudicarseli, Telecom sarebbe il solo operatore in grado di veicolare sulla banda larga tutti i contenuti di Sky visto che oggi l'operatore pay, per gli impegni presi a Bruxelles, ha l'obbligo di cedere i soli canali a pagamento a operatori terzi, come nel caso di Fastweb e dei gestori del mobile come Tre, Vodafone e la stessa Tim.