Oggi Matarrese va da Gentiloni

da Milano

Matarrese si presenta oggi a Roma per un summit col ministro Gentiloni al fine dichiarato di togliere il tappo al contratto per la serie B (bloccato dalla melina di Rai e Sky) e ottenere garanzie legate al ddl sui diritti tv nella speranza di riuscire a vendere a un prezzo migliore il prodotto calcio (attualmente quelli individuali ammontano a 730 milioni di euro l’anno più coppa Italia e serie B ancora senza contratto). L’iniziativa nasce dalla voglia di evitare le tensioni interne sulla divisione della torta ma anche dalla notizia tedesca della cessione della Bundesliga a 3 miliardi di euro per 3 anni. Da evitare i lacci sull’esclusiva e sulla vendita all’estero. «Noi, campioni del mondo come nazionale, e campioni d’Europa col Milan, valiamo di più» è la convinzione di Matarrese. Il cdl di ieri ha anche deciso di dotarsi di un advisor (studio Ghiretti).
Disponibilità a incontrare al più presto Matarrese è stata data dal ministro Melandri: «Sostengo che il calcio italiano debba essere valorizzato meglio e la legge deroga sui diritti tv va in questo senso».