Oggi Mussi in Statale: picchetto di protesta

Ad accogliere il ministro dell’Università, oggi in visita alla Statale, ci sarà un picchetto di protesta degli studenti di Alleanza nazionale. «Contestiamo le dichiarazioni di Fabio Mussi in tema di ricerca sulle cellule staminali embrionali» spiega Tommaso Baschera, presidente del gruppo. Mussi, alla sua prima uscita all’Unione europea, ha ritirato la firma dell’Italia alla «dichiarazione etica», una moratoria alla ricerca sugli embrioni sottoscritta dal governo Berlusconi insieme ad Austria, Germania, Polonia, Slovacchia e Malta. La decisione scatenò le critiche della Cdl e di parte dell’Unione, raccogliendo consensi nel mondo scientifico. «Il ministro non ha considerato l’esito del referendum dello scorso anno - aggiunge Azione universitaria -. Gli italiani non vogliono questo tipo di sperimentazioni». Il picchetto non sarà forse l’unico momento «caldo». Mussi alle 14 sarà a colloquio con i vertici della Statale, alle 16 parteciperà alla consegna dei diplomi ai ricercatori in aula Magna. Una parte degli studenti non condivide le sue posizioni su bioetica e riforma universitaria e potrebbe manifestarlo. Dalle 18, il ministro sarà a Palazzo Reale per un dibattito sugli atenei milanesi.