«Oggi»: no ai processi «Il Giornale»: chiarezza

mi permetto di scriverti brevemente, a nome anche degli altri tre colleghi del Cdr e di tutta la redazione di Oggi, a proposito della vicenda delle «foto comprate e nascoste» di Sircana, per una indispensabile smentita. I tuoi richiami, ripetuti più volte in questi giorni sulla testata che dirigi, al rispetto delle regole nell’informazione - di cui vi siete fatti paladini - dovrebbero valere innanzitutto per il Giornale. Invece spiace constatare che nell’edizione di ieri, martedì 20 marzo, in prima pagina e in terza pagina, ci sono un catenaccio e un titolo che sorprendono per la loro scorrettezza. In prima pagina è riportata la frase, attribuita ai redattori di Oggi: «Il direttore ha coperto qualcuno?»; in terza, la seconda riga di un titolo dice: «I redattori processano il direttore». Ora, leggendo tutti gli articoli che avete pubblicato, dedicati all’argomento, la frase in prima non compare da nessuna parte e il titolo in terza è una pura illazione priva di ogni fondamento, che non ha alcun riscontro nella realtà. Infatti la nostra assemblea è stata convocata per ottenere una serie di chiarimenti, non certo per processare qualcuno. Lo ribadiamo, per chiarezza: la redazione di Oggi non ha mai pensato di fare il processo al suo direttore. Aggiungo infine che le dieci righe virgolettate a me attribuite, frutto di una domanda fatta al volo da uno dei vostri inviati, corrispondono sostanzialmente a quello che ho detto, salvo la parola «conniventi», che ha una valenza negativa che non corrisponde al mio pensiero.
Vincenzo Sansonetti
del Cdr di «Oggi»

Hai ragione, dovevamo titolare: «La redazione chiede conto al direttore». Ma adesso che ci siamo tolti la pagliuzza dal nostro occhio ci aspettiamo che voi vi togliate la trave dal vostro: perché avete speso centomila euro per fotografie che non avete mai pubblicato?