«Oggi da papà, domani da mamma» Ecco il diario per i figli dei divorziati

Questa settimana dal papà, la prossima dalla mamma; l'appuntamento con il dentista è al lunedì, e il corso di nuoto al mercoledì. E per domani c'è il capitolo sugli egizi da studiare e qualche esercizio dal libro di geometria: su Memocarnet, primo diario scolastico per figli di genitori separati, non c'è solo lo spazio per segnare compiti e lezioni. Il plus di questo diario, la vera novità del rientro scolastico di quest'anno in Francia, è proprio il fatto che può essere usato anche come promemoria per fatti che non hanno molto a che vedere con la scuola e che è destinato ai figli di genitori separati. Già lo spazio per l'indirizzo del bambino è doppio: c'è il chez papa e il chez maman, cioè l'indirizzo del papà e quello della mamma. Il calendario settimanale si divide anche quello in due spazi, uno per ciascun genitore. E alla fine del diario, dopo la rubrica con i numeri degli amichetti e il planning delle vacanze, ci sono anche delle pagine bianche per lasciare messaggi all' ex coniuge. «Così il bambino non sarà più il messaggero fra i due» spiega al quotidiano Le Parisien la creatrice di Memocarnet, Anne-Pascale Noury. Lei stessa, stufa di lasciare post-it all'ex compagno e di scrivergli lettere di raccomandazione piene di dettagli su attività, voti e desideri del figlio, ha cercato a lungo un diario a misura di famiglie separate e, non trovandolo, ha finito per inventarlo. «È incredibile, ma spesso le idee più stupide sono le più evidenti. Questo tipo di diario non esiste da nessuna parte, nemmeno in Canada, all'avanguardia in materia di mediazione famigliare» afferma Anne-Pascale. Memocarnet è quindi stato concepito come un vero e proprio «assistente d'organizzazione» che funga anche da terreno di confronto e comunicazione fra i genitori del bambino, che «vogliono sempre sapere quello che succede al figlio quando sta dall'ex». Sophie, separata dal padre di Lila, 8 anni, racconta che «sono stata così contenta di leggere, qualche giorno fa, che mia figlia è andata ad una festa di compleanno. Prima di Memocarnet, non sapevo mai quello che faceva quando stava da suo padre e avevo l'impressione di perdere alcuni frammenti della sua vita». «Questo diario può essere un eccellente mezzo per distendere la comunicazione, lo scritto permette infatti neutralità e distanza» spiega Anne-Pascale, sottolineando che Memocarnet aiuta i genitori ad organizzarsi, «operazione difficile soprattutto quando la scuola ricomincia».