Oggi la parola passa agli amministratori

Il referendum accalora gli animi e fa sì che che vengano organizzati convegni, dibattiti, assemblee pubbliche dove discutere, spiegare, chiarire e soprattutto convincere.
Tanti partiti, come Ds, Lega Nord, Sdi, sono intervenuti chiamando all’appello medici, genetisti ed esperti di bioetica, con l’intento di chiarire le motivazione del «sì» o del «no» alle varie parte che compongono la legge 40 sulla procreazione medicalmente assistita. Sono scesi in campo associazioni e comitati, in prima linea Scienza&Vita, ma anche amministratori locali. Questi ultimi vengono coinvolti stasera a Recco, alle 21 nella sala polivalente del Comune: «La vita non può essere messa ai voti» è il punto di partenza della discussione, che sarà introdotta da Gianluca Buccilli, sindaco di Recco e presidente dell’Aral, l’associazione regionale degli amministratori locali, con gli interventi di Adriana Zigliara, medico, Gabriele Trossarello, avvocato,e Gino Garibaldi, consigliere della Regione Liguria. L’intento è spiegare come mai non abbia senso proporre un referendum su questioni fondamentali come la vita e i suoi inizi.
Sarà poi il senatore di Forza Italia Luigi Grillo, presidenti della commissione Trasporti del Senato, a trarre le conclusioni. A moderare, invece, sarà il caporedattore del Giornale .