Da oggi servizi cimiteriali a prezzi calmierati

Al primo piano di via Larga 12, i milanesi non ci vorrebbero mai finire. Eppure ogni giorno l’ufficio Servizi funebri del Comune si riempie, perché qui tocca esplicare tutte le pratiche ai familiari del defunto. «È un momento talmente delicato nella vita di una persona - dice l’assessore alla Qualità, servizi al cittadino e semplificazione, e servizi Civici Stefano Pillitteri - che noi abbiamo cercato di stabilire nuove regole per renderlo almeno più veloce». La novità: da oggi parte il nuovo servizio dei funerali a prezzo calmierato. «La differenza è sostanziale - spiega Pillitteri - da oggi infatti, entra in vigore l’accordo stipulato tra il Comune di Milano e le imprese che liberamente hanno scelto di aderirvi». Un prezzo calmierato pari a 1.290 euro: questo è il risultato raggiunto dalla convenzione. «Una cifra particolarmente competitiva visto che la media regionale si aggira intorno ai 3500 euro».
All’origine del cambiamento, la legge regionale che lo scorso anno ha stabilito che l’attività funebre è un’attività commerciale esattamente come le altre e per questo, il Comune non ha più alcun titolo di privativa. «Prima il dolente si recava in Comune - ricorda l’assessore - e automaticamente veniva messo in contatto con l’impresa di turno quel giorno». Ora invece, il dolente riceve due moduli: «Il primo nel quale spieghiamo le caratteristiche del funerale a prezzo calmierato, il secondo con l’elenco delle imprese che hanno scelto di aderire alla convenzione». Spetta a lui e solo a lui quindi, decidere l’azienda alla quale rivolgersi. Obiettivo: «Evitare gli imbrogli e agevolare le pratiche». Per questo, chi vorrà sbrigarle in una sola volta potrà continuare a prenotare il funerale direttamente in Comune e l’impresa di riferimento verrà selezionata da un sistema oggettivo che stabilirà turni definiti.