Oggi al varo il Nautico dei record

«Sarà il Salone nautico più bello del mondo»: ha esordito così, ieri mattina, il presidente della Fiera internazionale di Genova, Franco Gattorno, nel presentare l’edizione numero 45 della rassegna del diporto mondiale. Una premessa che è anche una promessa ufficiale, valida per le edizioni future, in grado di galvanizzare i presenti: dal presidente dell’Ucina, Paolo Vitelli, al segretario generale della stessa associazione delle industrie nautiche, Lorenzo Pollicardo, alla serie di operatori di un settore che naviga a gonfie vele e rappresenta, in questi anni di bilanci difficili dell’Azienda-Italia, una voce confortante di reddito e occupazione. Lo ha sottolineato, in particolare, anche l’amministratore delegato della Fiera, Roberto Urbani, con alcune note tecniche che mettono in evidenza l’importanza della rassegna genovese per lo sviluppo della nautica e del Paese.
Sono 1.581, in crescita del 2% rispetto al 2004, gli espositori, 2.027 le barche, per il 74 per cento natanti, vale a dire imbarcazioni sotto i 10 metri di lunghezza. Le ammiraglie del Salone, entrambe italiane: fra le barche a motore Maiora 43 del cantiere Fipa Italiana Yachts (43 metri), fra le vele Heritage, uno sloop di 33,5 metri prodotto da Perini Navi, presente qui per la prima volta. Cinquantuno in totale i superyacht in esposizione, 19 nella nuova darsena e 32 in Marina 1. La superficie complessiva, grazie anche all'avvio dei lavori di ampliamento della Marina, supera i 290mila metri quadrati, suddivisi tra i padiglioni S, B, C, D, aree all'aperto fra cui l'area Kennedy, e aree attrezzate, tra cui la tensostruttura di «Piazza del Mare», Marina Uno e Marina Due.
Gattorno e Urbani, però, hanno anche fornito molti dettagli sul futuro: i lavori di ampliamento per la nuova darsena, il progetto di demolizione del padiglione B, che vedrà sorgere una struttura già progettata da Jean Nouvel, la conquista di nuovi spazi all'interno dell'area espositiva. I lavori di ampliamento della Marina, iniziati pochi mesi fa, tuttora in corso e destinati ad aumentare la capacità ricettiva del Salone nautico a un totale di 600 posti barca entro il 2006 hanno portato una prima modifica nel layout espositivo di quest'anno.
«Ma il futuro raddoppio della Marina - ha sottolineato in particolare il presidente della Fiera Spa - fa parte di un più vasto programma di riqualificazione dell’area. Gli interventi previsti dal piano industriale di Fiera ammonteranno infatti a un totale di oltre 100 milioni di euro, di cui 43,9 milioni di investimenti diretti».
Le novità riguardano principalmente la realizzazione del nuovo padiglione B, disegnato da Jean Nouvel, il cui completamento è previsto per il 2007 e di un albergo 4 stelle fronte mare con centro congressi al posto dell'attuale Fieracongressi, la cui realizzazione sarà affidata entro l'anno. Ma tra le questioni che ancora devono trovare una soluzione, «e in tempi (...)