Oggi vertice degli amministratori azzurri

Domani alle 10 vertice tra il segretario del Pdl Angelino Alfano e gli esponenti degli enti locali del Pdl. In agenda un confronto sulla manovra e in particolare sugli annunciati tagli ipotizzati dal governo che colpiranno i trasferimenti a Comuni, Province e Regioni. Ad annunciarlo il presidente dell’Unione delle Province Italiane, Giuseppe Castiglione, a margine di un incontro ieri a Roma con i presidenti delle Province che rischiano di venire accorpate. Precisando che alla riunione di oggi parteciperanno in rappresentanza degli enti locali, oltre allo stesso Castiglione, il governatore della Lombardia Roberto Formigoni e il presidente facente funzioni dell’Anci Osvaldo Napoli. Il presidente dell’Upi ha anche ricordato che oggi «ci sarà anche un incontro tra gli amministratori degli enti locali del Pd con i vertici del loro partito».
Grandi manovre, dunque, degli amministratori che mai come questa volta temono la scure del governo sui bilanci. Ma per qualcuno si tratta anche di una lotta per la sopravvivenza, vista l’intenzione del ministro Giulio Tremonti di accorpare i Comuni con meno di mille abitanti ai vicini più popolosi e di eliminare le Province sotto le trecentomila unità. È per questo che l’Anci ha chiamato a raccolta i sindaci del Nord Italia per una manifestazione lunedì a Milano. Per tutti l’invito a presentarsi al grattacielo Pirelli con il Tricolore è firmato dai presidenti di sette Anci regionali che chiedono ai sindaci di partecipare con la loro fascia tricolore. L’appello a nome dei colleghi è siglato dai sindaci Attilio Fontana (Lombardia), Daniele Manca (Emilia-Romagna), Gianfranco Pizzolitto (Friuli Venezia Giulia), Marta Vincenzi (Liguria), Amalia Neirotti (Piemonte), Alessandro Cosimi (Toscana), Giorgio Del Negro (Veneto). Una manifestazione che, secondo i sindaci, «sta ponendo una opportuna pressione alla sensibilità politica e territoriale dei rappresentanti eletti nel parlamento» che devono approvare la manovra. Quindi «è facile comprendere - aggiungono in una nota - che si tratta di un momento importante dove a tutti è richiesta la massima partecipazione e per la quale chiediamo di indossare la fascia tricolore quale simbolo rappresentativo dei rispettivi consigli comunali, dell’intera comunità di appartenenza su cui ricadranno i drastici provvedimenti contenuti nel Decreto Legislativo in attesa di definitiva conversione». Una manifestazione a cui hanno annunciato di partecipare anche il sindaco Giuliano Pisapia («Contro una manovra ingiusta») e Formigoni. «Io - ha detto - non sono contrario all’accorpamento delle funzioni dei piccoli Comuni, ma questo non ha niente a che vedere con la cancellazione dei Comuni stessi».