Oggi vigili con la mascherina antismog

Un’assemblea indetta dai vigili urbani della capitale nell’ora di punta del traffico. La annuncia per oggi, dalle 7 alle 10, l’Ospol, l’organizzazione sindacale delle polizie locali. Una circolazione stradale che si annuncia, dunque, caotica per tutta la mattinata.
«Domani (oggi) i vigili urbani annunciano un’assemblea nell’ora di punta per il traffico cittadino - si legge nel comunicato - per protestare contro l’amministrazione comunale che continua a mantenere il corpo della polizia municipale della Capitale imbalsamato senza organizzazione e senza dotazione di mezzi idonei per salvaguardare la salute sul posto di lavoro». nell’occasione del Santo Patrono dei vigili, San Sebastiano, - prosegue la nota sindacale - il Comune di Roma, come è sua abitudine, ha celebrato la festività in pompa magna con banda musicale e Santa messa. L’Ospol da tempo ha denunciato alle autorità sia comunali che statali la grave situazione in cui lavorano i vigili romani, proprio nelle strade e piazze dove le centraline di monitoraggio fanno bella mostra e che giornalmente lanciano all’arme rosso per i superamenti della soglia di tollerabilità degli agenti inquinanti, senza alcuna prevenzione sanitaria e senza alcuna protezione tecnica (mascherine a norma Cei). È dimostrabile, dalle moltissime indagini effettuate nel tempo anche dal sindacato, che la quasi totalità dei vigili urbani in servizio di viabilità sono affetti da fastidiose malattie respiratore e cardiovascolari, anche tra i vigili giovani, con molteplici patologie invalidanti ed anche mortali. Oggi (ieri) l’ottanta per cento dei vigili urbani ha disertato i costosi festeggiamenti del Campidoglio e celebreranno la festività del Santo Patrono, domani (oggi) presso il comando generale del corpo, indossando la mascherine che saranno fornite dal sindacato Ospol, per manifestare il proprio sdegno contro una amministrazione completamente assente sul fronte della prevenzione delle malattie professionali».
«L’Ospol chiede infine al sindaco Walter Veltroni - chiude la nota - che venga attivato immediatamente l’Istituto Epidemiologico della Regione Lazio per far luce sullo stato di salute dei seimila agenti municipali che sono il primo campanello d’allarme per la salute dei cittadini della capitale».