Ogni dodici mesi 50mila persone finiscono in coma

Più del 50% di coloro che sopravvivono ad un prolungato periodo di coma presenta menomazioni motorie e cognitive e conseguente riduzione della capacità di partecipazione sociale e lavorativa.
In Italia ogni anno subiscono danni al cervello in seguito a traumi o malattie quasi 50mila persone.
Si hanno quattro diversi tipi di coma, a secondo della compromissione delle funzioni. Il il primo, quello profondo, il più grave, è caratterizzato da uno stato vegetativo irreversibile: colpisce circa 3.500 persone all’anno in seguito a traumi (incidenti) o malattie. La prognosi è negativa: i danni al cervello sono talmente gravi da non essere compatibili con la vita. Sono 12-13mila i cerebrolesi italiani che attraversano un coma intermedio. Sono 30mila coloro che ogni anno affrontano un coma lieve.
Sono oltre sessanta gli ospedali italiani specializzati nella cura e nel recupero dei cerebrolesi.