«Oh bej oh bej», pronta la guida contro gli abusivi

La vera campagna anti-contraffazione, quella per cui nel bilancio di previsione sono assegnati 800mila euro, partirà nel 2008. Ma un’anticipazione è riservata alle migliaia di milanesi e non che tra il 6 e il 9 dicembre visiteranno le 355 bancarelle degli «Oh Bej Oh Bej», per il secondo anno («e speriamo per sempre», aggiunge l’assessore alle Attività produttive Tiziana Maiolo). A tutti saranno distribuiti volantini che spiegano come comprare merce falsa non è solo pericoloso per la salute: negli ultimi dieci anni in Europa sono andati in fumo 250mila posti di lavoro, e il volume d’affari prodotto dalla contraffazione ha ormai superato quello del mercato illegale di droga. Oltre a dissuadere la gente dagli acquisti illegali, la Maiolo vorrebbe che finalmente gli abusivi che ogni anno piazzano la mercanzia intorno agli Oh Bej ufficiali non solo venissero sospinti «più in là» ma cacciati del tutto dalla polizia. L’anno scorso fu riservata un’area davanti al palazzo della Triennale, ma il 6 dicembre per l’inaugurazione del museo del design arriverà il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, quindi stavolta per motivi di sicurezza anche quella zona è off limits. «Il problema degli abusivi si pone con ancora più forza - ammette l’assessore -. Penso che andrebbero cacciati, ma capisco che le forze dell’ordine vogliano evitare scontri di piazza per cui anche questa volta saranno sospinti in un’altra zona».
In attesa del progetto vincente al concorso tra i ragazzi che frequentano le scuole di design («Fate il mercatino più bello di Milano»), quest’anno i gazebi degli espositori saranno almeno tutti uguali e bianchi. Alla fiera ci saranno 58 rigattieri, 35 artisti artigiani, 24 fioristi, 18 banchi di giocattoli, 22 di libri e stampe, 25 di articoli artistici e 16 di dolci. Novità: gli Oh Bej quest’anno si mettono anche in mostra. Dall’1 al 10 dicembre nel Cortile della Rocchetta al Castello ci sarà una mostra che ripercorre la storia dei sette secoli di fiera con 52 stampe, incisioni e fotografie.