Ok un altro round contro il socio Jbs

Nuovo punto a favore del gruppo Cremonini nella vertenza con la brasiliana Jbs Sa per la gestione della joint venture in InalcaJbs. Il tribunale di Modena ha rigettato il ricorso promosso dai soci brasiliani respingendo la richiesta di ordinare agli amministratori di InalcaJbs l’assunzione di un funzionario brasiliano designato da Jbs, per la carica di cfo. Si tratta dell’ultimo atto, in ordine di tempo, dello scontro in corso tra i due soci, che si stanno misurando con una dozzina di cause civili in Italia e un arbitrato internazionale a Parigi. Il contratto stipulato tre anni fa prevede che nel 2011 Cremonini possa esercitare il diritto a vendere la propria quota a Jbs. Ma, in via riservata, sono in corso tra i due gruppi colloqui tesi al riacquisto del 100% da parte della stessa Cremonini.