Ok pure Rotunno Boom di Scandroglio

È lui, Giuseppe Rotunno, capogruppo del Popolo della libertà alla Provincia di Genova, a vincere moralmente, pur con soli 24 voti, la tappa di ieri del nostro gioco-sondaggio per il miglior candidato alla carica di presidente della giunta di Palazzo Spinola, in vista delle elezioni del 2012. Per lui, sostenuto a spada tratta dalla componente bogliaschina dei fans e in particolare dal capogruppo del Pdl in consiglio comunale, Fossa, c’è la soddisfazione del ritorno alla grande in classifica dopo una sparizione misteriosa. Tutto per il colpo mancino ordito a suo carico dal diavoletto di redazione: a quest’ultimo, infatti, va la responsabilità primaria di aver fatto letteralmente sparire il nome, e soprattutto i voti!, di Rotunno dalla classifica pubblicata ieri su queste pagine. D’accordo, restituiamo oggi a Rotunno quello che è di Rotunno, ma l’errore è fatto e si può solo chiedere venia all’interessato e ai lettori. Ovviamente, per conto del diavoletto di redazione...
Per il resto, la giornata di fine settimana ha limitato, come da consuetudine, le sorprese. Resta inattaccabile la prima posizione di Alberto Cattaneo, l’uomo dei numeri, commercialista affermato, che è lanciato ormai a un’affermazione di immagine e di sostanza anche nel nostro sondaggio. Il flusso di consensi a suo favore, sotto forma di tagliandi rigorosamente fatti pervenire in originale alla nostra redazione, segue un andamento quotidiano pressoché costante, e non si può più considerare l’exploit di un outsider.
Non demordono, comunque, i supporter dell’onorevole Michele Scandroglio, coordinatore regionale del Popolo della libertà, il quale, pur nella sempre meno assidua frequentazione locale, occupato com’è a tempo pieno dagli impegni romani, non dimentica di mantenere il contatto con il territorio e l’attenzione verso i problemi della Liguria. Ne è evidentemente dimostrazione la massa di voti, arrivati ormai a sfiorare quota 800, che sono stati fatti affluire finora per «Miki» al Giornale. Infine, nelle posizioni della graduatoria più lontane dal vertice, un balzo significativo l’ha fatto Edoardo Rixi, consigliere regionale della Lega Nord, che ha superato d’un colpo una decina di concorrenti. In sintesi: totale tagliandi di ieri 300; totale generale 3.555. E l’avventura continua.