«Okkupanti» contro Minelli

Il Comitato Popolare di Lotta per la Casa e la Probasis Onlus che dal 17 novembre 2004 occupano l’ex-istituto Angelo Mai, chiedono l’intervento del sindaco Veltroni, «dimostratosi fino a oggi interlocutore attento e sensibile al problema abitativo e a quello culturale». In una nota, gli occupanti dell’Angelo Mai, rispondono a quanto affermato nei giorni scorsi dall’assessore capitolino alle Politiche Abitative, Claudio Minelli, «reo» di non aver fatto «proposte consone in merito ad una sistemazione dignitosa per le famiglie sfrattate, né tanto meno di un luogo adatto alla prosecuzione delle numerose e valide attività svolte in campo teatrale, musicale, delle arti visive e della danza». Gli stessi occupanti, inoltre, denunciano «la pressione sulla data di sgombero non conforme agli accordi presi» e «l’assenza di informazioni chiare sul cosiddetto «contenitore che ospiterà le famiglie dell’Angelo Mai, tutte con i requisiti per accedere a una casa popolare». Secondo gli occupanti, «Minelli fa trattamenti differenziati all’interno delle stesse esperienze di occupazione e di cultura dal basso, trattando con favori alcuni amici e dimenticando o deportando altri».