Olimpia, Hopa respinge le proposte di Pirelli

Con una serie di contratti derivati Edizione Holding prenota un altro 0,5% del capitale

da Milano

Sul futuro di Olimpia lo scontro tra Hopa e Pirelli si fa più duro. Nella giornata di ieri il direttivo del patto di sindacato della finanziaria bresciana (presente per la prima volta il numero uno di Antonveneta Piero Montani), insieme agli advisor dello studio Poli & Associati, ha esaminato le possibile vie d’uscita alla stallo ormai evidente. In base alle poche indiscrezioni trapelate gli azionisti della società guidata fino a poche settimane fa da Chicco Gnutti si sono trovati d’accordo nel respingere al mittente le proposte avanzate da Bruno Ermolli per conto di Pirelli. Un’ipotesi di soluzione caldeggiata dal numero uno del gruppo, Marco Tronchetti Provera: l’addio di Hopa a Olimpia e la possibilità di rinegoziare la presenza di Holinvest (80% Hopa, 20% Pirelli) nel capitale di Telecom, in cambio però di una rinuncia del premio attribuito dagli accordi ai soci di Hopa (208 milioni). Banche e soci bresciani della finanziaria non si attesterebbero più sulla linea del rinvio, con un prolungamento degli accordi in vigore per Olimpia e sarebbero disposti a trattare l’uscita. A condizioni però ben diverse da quelle proposte. In ogni caso l’incontro previsto per la fine di questa settimana tra i consulenti delle due parti non ci sarà (Poli è impegnato tra l’altro a Davos per il World economic Forum) ed è spostato a inizio-metà della settimana prossima.
Nel frattempo, come ha già fatto il socio Pirelli, Edizione Holding dei Benetton, ha rafforzato (sia pure potenzialmente) la propria presa su Telecom, prenotando un’altra piccola quota. La famiglia di Ponzano Veneto ha concluso contratti derivati che le consentono di acquistare un ulteriore 0,52% del capitale dell’ex monopolista dei telefoni. I contratti, con una serie di banche, risultano da alcuni documenti trasmessi alla Sec, l’autorità di controllo dei mercati Usa e sono esercitabili il 16 giugno.
La possibilità di nuovi acquisti di titoli Telecom era prevista dalle modifiche apportate un anno fa ai patti parasociali di Olimpia, azionista di riferimento di Telecom con il 18% circa, in cui Edizione holding è presente con una quota del 16,8% insieme a Pirelli (57,7%), Hopa (16%), Banca Intesa e e Unicredit. Nel complesso i soci di Olimpia possono acquistare titoli ulteriori per un 5,6% del capitale Telecom. E proprio in base a questi accordi, la Bicocca, che già ha in portafoglio lo 0,7% diretto, ha stipulato accordi per rilevare un altro 2%. Nel caso di Edizione holding, una prima operazione è stata effettuata il 28 dicembre 2005, le ultime risalgono al 12 gennaio.