Olimpiadi: altri due ori per gli azzurri

Andrea Minguzzi sale sul gradino più alto del podio nella lotta greco-romana. Vince anche la Cainero: medaglia d'oro nel tiro a volo skeet. Nuoto, Federica Pellegrini non basta e la staffetta femminile 4 per 200 metri si ferma al quarto posto

Pechino - E' un'altra bellissima giornata per l'Italia sportiva. Ancora due medaglie vinte. E sono medaglie che pesano, medaglie d'oro. Nella lotta greco-romana Andrea Minguzzi ha sconfitto l'ungherese Zoltan Fedor nella categoria 84 kg e ha appuntato sul medagliere italiano il sesto oro. Minguzzi, poliziotto bolognese di 26 anni, è alla sua prima esperienza olimpica. L’ultimo oro italiano in questa disciplina risaliva al 1988, a Seoul. "Sono venuto a Pechino per una medaglia, ma non mi aspettavo l’oro", ha commentato il lottatore azzurro, raggiante. La vittoria di Minguzzi porta anche la firma di Giuseppe Giunta, il suo allenatore, che ha all'attivo dodici titoli italiani nella lotta greco-romana e un terzo posto agli europei. "Proprio il terzo posto era finora il miglior piazzamento internazionale di Andrea, ora mi ha superato, ma sapevo che poteva ottenere un grande successo".
Bronzo invece per il turco Nazmi Avluca e lo svedese Ara Abrahamia che ha protestato contro le decisioni arbitrali, non mettendosi la medaglia al collo e lasciandola a terra.

Tiro a volo
Chiara Cainero sale sul primo gradino del podio nello skeet femminile. La tiratrice udinese ha trionfato con 95 punti nella finale che si è conclusa dopo lo spareggio con la statunitense Kimberly Rhode, che ha conquistato l’argento, e con la tedesca Christine Brinker, bronzo. "Sono contenta, ancora non mi sembra vero", ha detto la Cainero davanti alle telecamere, aggiungendo che "non è stata una gara facile". "Spero che la mia vittoria possa essere d’incentivo anche alle mie colleghe di nazionale", ha concluso.

"Se detassano il premio estinguo il mutuo" Con il premio per l’oro nello skeet, soprattutto se sarà detassato, Chiara Cainero spera di abbattere il mutuo che sta pagando. "Con quello che riceverò - dice -, spero di dargli una botta". Così si unisce all’appello per la detassazione dei premi del Coni, anche se per un accordo interno quella somma per metà la dividerà coi colleghi del tiro.

Nuoto
Positiva nel nuoto la performance delle azzurre: nella finale di specialità per la staffetta 4x200, Alessia Filippi, Flavia Zoccari, Federica Pellegrini e Renata Spagnolo hanno stabilito il record europeo in 7’ 49’’ 76 ma si sono piazzate solo al quarto posto. Delusione invece nella rana, con gli Azzurri Loris Facci e Paolo Bossini rispettivamente settimo e ottavo nella finale dei 200 metri rana, vinta dal giapponese Kosuke Katajima. E’ fuori anche un altro nuotatore azzurro: Alessio Boggiatto non ce l’ha fatta a qualificarsi per la finale olimpica dei 200 metri misti.

Pallavolo Nel volley la squadra maschile ha battuto il Venezuela per 3-0 in un incontro valido per il gruppo A del torneo olimpico. L’Italia  è prima nel suo gruppo con cinque punti davanti a Usa (4 punti), Bulgaria (4), Cina (3), Venezuela (3) e Giappone (2).

Tiro a segno
Valentina Turisini non si è qualificata per la finale della carabina 50 metri tre posizioni femminile.