Olimpiadi, lite Sala-Maroni

Il governatore chiede ai milanesi, ma per il sindaco è «impossibile»

Lasciateci almeno sognare. Potrebbe essere il sottotitolo (o la risposta al sindaco) al sondaggio pubblicato da Roberto Maroni ieri sul possibile «scippo» da Roma a Milano della candidatura alle Olimpiadi del 2024, anche se è tecnicamente impossibile visto che le candidature sono già chiuse. «Qualcuno - ha scritto il governatore sul suo profilo Facebook - mi chiede se la Regione è disponibile a sostenere la candidatura di #Milano (al posto di Roma) per le #Olimpiadi 2024. Voi cosa pensate?». L'ipotesi circola da giorni, ma punta piuttosto a riportare il capoluogo lombardo sotto i riflettori internazionali, dopo Expo 2015, nel 2028. Se il sindaco 5 Stelle Raggi boccerà la candidatura, il governo invece di fare forzature potrebbe lasciarla decadere e concentrarsi sull'edizione 2028, puntando su Milano. Ma dopo le scintille sul Campo Base Expo, Sala contesta Maroni anche sui Giochi: «È impossibile, quindi togliamo il tema dal tavolo. Abbiamo altre urgenze». A Expo si arrivò dopo 9 anni, con l'ansia di non chiudere i cantieri.