Olio, sequestrati 450 quintali

Controlli in tutta Italia.Pronto per essere
esportato negli Usa: soia al posto delle olive. Merci fermate a Napoli e in Sicilia, controlli a Verona e Roma. Il ministro Zaia: "Avanti con la tolleranza zero"

Roma - Centinaia di quintali di olio sono state sequestrate in tutta Italia. La filosofia della "tolleranza zero", portata avanti dal ministro delle Politiche agricole, Luca zaia, vale per tutti. E porta i suoi frutti. Ma non finisce qui. "La nostra battaglia per il rilancio del settore oleario passa anche attraverso una vigilanza costante e capillare - assicura il ministro leghista - per sostenere i produttori onesti bisogna innanzitutto sconfiggere la concorrenza sleale e difendere il vero made in Italy".

Controlli in tutta Italia Zaia si dice "soddisfatto" rileggendo i dati sulle ispezioni effettuate a partire dal primo dicembre scorso, e tuttora in corso, dall’Ispettorato centrale per il controllo della qualità dei prodotti agroalimentari di concerto con i diversi organi di controllo che operano nel settore agroalimentare (Comando Carabinieri Politiche agricole e alimentari, Corpo forestale dello Stato, Comando Carabinieri per la tutela della salute, Polizia di Stato, Agenzia delle Dogane e Comando generale delle Capitanerie di Porto). I controlli, svolti di concerto con gli altri organismi, si sono concentrati sui prodotti oleari importati o provenienti da altri Paesi dell'Eurozona, e hanno riguardato 13 grandi operatori in tutto il territorio nazionale (3 in Puglia, 2 in Campania, Sicilia, Toscana e Umbria, 1 nel Lazio e in Calabria).

Tolleranza zero Grazie al programma straordinario di controllo, attivato da dicembre su espressa volontà del Ministro, sono stati sequestrati oltre 450 quintali di olio pronto per essere esportato negli Stati Uniti con la dicitura di olio extravergine di oliva, olio d’oliva e olio di sansa di oliva ma risultato in realtà essere olio di semi di soia e olio di semi di soia colorato. L’Icq e l’Agenzia delle Dogane hanno effettuato i sequestri nel porto di Napoli (420 quintali) e presso un operatore siciliano (30 quintali), il quale ha subito un sequestro amministrativo di 86 quintali di olio ulteriori, in quanto dichiarato olio di oliva vergine o extravergine, pur essendo in realtà olio di oliva lampante. Nello stesso periodo, l’Ispettorato centrale per il controllo della qualità dei prodotti agroalimentari ha svolto attività di controllo autonome, con oltre mille sopralluoghi, 150 campioni analizzati e 45 illeciti amministrativi accertati, soprattutto per violazione delle norme sulla commercializzazione dell’olio d’oliva e sull’etichettatura, e 5 notizie di reato inoltrate. Nell’ambito di questi controlli sono stati sequestrati penalmente in una ditta in provincia di Verona 240 quintali di olio sofisticato proveniente dalla Spagna, dichiarato olio extravergine d’oliva. Sequestro penale anche presso una ditta con sede a Roma: 12 quintali di olio sono stati ritirati perchè spacciati per olio extravergine d’oliva.