Olivera: «La punta centrale fa per me»

(...) Iniziamo da qui, Olivera racconta le sue prime settimane rossoblù. Attaccante si nasce? Bomber si diventa. Ruben insegna.
I tifosi sono rimasti estasiati da quel gol…
«Sono contento. Durante gli allenamenti mi esercito molto nei tiri da lontano: quando posso, ci provo sempre. L’importante è continuare così».
A che punto è la sua condizione?
«Sto crescendo ma è ancora presto per dare giudizi. Speriamo di arrivare tutti al 100% in fretta. Dobbiamo presentarci puntuali all’appuntamento con la Coppa Italia e il campionato».
Come si trova in questo ruolo inedito di attaccante?
«Sono molto soddisfatto, sto lavorando molto per cercare di capire velocemente tutti i meccanismi: mi piace davvero giocare come punta centrale. Durante gli allenamenti provo a memorizzare tutti i movimenti degli altri compagni di reparto, soprattutto quelli di Figueroa: voglio imparare rapidamente».
È un Olivera diverso rispetto a quello che avevamo visto a Genova con la maglia della Samp?
«Mi interessa solo il presente. Ora devo pensare a proseguire su questa strada. Sono consapevole del fatto che davanti ho una grande occasione e non voglio lasciarmela sfuggire».
Cosa ha pensato quando Gasperini le ha proposto di giocare come attaccante centrale?
«Sono sincero, mi ha convinto in un secondo. Nella mia carriera non ho quasi mai avuto la possibilità di provare questa posizione, però mi sarebbe piaciuto molto. Adesso, ho questa chance e il mio sogno è quello di fare più gol possibili per il Genoa».
È una scommessa, quella del ruolo, che state vincendo entrambi?
«Per il momento sta andando bene, ma ripeto: è ancora presto, finora abbiamo disputato soltanto amichevoli e bisognerà confermarsi anche nelle gare ufficiali».
Quali difficoltà ha incontro in questa nuova posizione ?
«Diciamo che le differenze principali, rispetto ai ruoli che avevo in passato, sono due: gioco più avanti, e devo lavorare molto più di sponda».
Domani c’è il debutto a Marassi con la maglia del Genoa nel Trofeo Spagnolo, ci sarà emozione?
«Sicuramente, ma voglio fare bene e regalare al nostro pubblico un successo che sarebbe importante».
I tifosi si aspettano anche una rete. Magari sotto la Nord…
«Sarebbe fantastico… Ci teniamo a fare bella figura nella prima partita che giocheremo nel nostro stadio».
Pensava di entrare subito nel cuore della tifoseria genoana…
«Mi hanno accolto in un modo straordinario, e questo mi riempie di soddisfazione: sono tifosi splendidi. E voglio ripagare questo affetto, cercando di fare tanti gol».
Dove può arrivare questo Genoa?
«Siamo un ottimo gruppo con giocatori di talento che hanno grandi qualità. Voglio aiutare questa squadra a lottare per un posto in Coppa Uefa».
E Olivera dove vuole arrivare?
«La Nazionale è il mio sogno, ma quello che conta di più è il Genoa».