Oliveri incalza Repetto: «Non scappare»

Ha promesso che non gli darà tregua. Renata Oliveri, candidata del centro destra alla presidenza della Provincia di Genova, ad Alessandro Repetto, presidente uscente. Che glielo chiederà allo sfinimento quel confronto scansato dall'uomo dell'Unione come la peste. Lei, tenace e determinata, non ha perso l'occasione per ribadirlo ieri a Rapallo, nel corso della presentazione dei due giovani rapallesi candidati di An, Andrea Maggiali e Maurizio Malerba, al consiglio di Palazzo Spinola. «Repetto ha indicato come data di un possibile faccia a faccia metà maggio e io da adesso lo incalzerò. Il suo rifiuto è grave, tanto più che arriva da un presidente uscente cha utilizza i soldi dell'ente per fare campagna elettorale. Lo trovo sprezzante contro i diritti dei competitori». Parole dure di chi è pronta a battersi ad armi pari. Di chi ha grinta da vendere e competenze consolidate fuori e dentro le istituzioni. Accanto a lei l'amico Gianfranco Gadolla, neo presidente della federazione genovese di An, che si complimenta con Maggiali e Malerba «per il coraggio di metterci la faccia in una competizione pur sempre difficile». Garantisce appoggio assoluto e li incita a correre «perché i valori di An non siano racchiusi in un piccolo gruppo di persone, ma comuni a molti». Insiste sul feeling con il candidato del centro destra a sindaco di Rapallo, Mentore Campodonico: «Insieme possiamo riconquistare la città dopo gli anni bui e ricostruirla. Rimbocchiamoci fisicamente le maniche, che l'obiettivo è vicino, quasi certo». Maggiali, laureando in giurisprudenza e dirigente provinciale di An, prende la palla al balzo: «Sono giovane e milito in An da 10 anni. Questa per me è la prima volta, ma non sono emozionato perché da tempo mi sto preparando a ricoprire un incarico amministrativo e posso dare il 150 per cento». Si unisce Malerba, vice presidente dell'Ascom locale e neo presidente del Circolo Rapallo di An, anche per lui è la prima candidatura: «Cercherò di lavorare al meglio con particolare attenzione alle frazioni e al commercio turistico». Oliveri riaggancia la missione comune ancorata ai valori forti di famiglia, solidarietà, uguaglianza e pari opportunità, cultura libera, ambiente sano e sicurezza. Poi la grande svolta: «Provincia che costi poco-sottolinea Oliveri-non prevarichi ma sia di sostegno ai Comuni. Soprattutto qui, per recuperare e giocarsi il suo ruolo sul turismo, perchè fino ad oggi nessun ente ne ha azzeccata una». Campodonico stringe a sé Maggiali e Malerba, «due amici che si impegnano per un segnale di rinnovamento. A giorni potremo presentare tutti gli uomini e le donne delle liste che mi appoggiano e che interpretano l'intera realtà cittadina». Poi la parentesi sull'approccio di questa campagna elettorale lunghissima «che noi conduciamo in maniera propositiva. No alla politica gridata che non porta risultati. L'obiettivo è sulla città che ha bisogno di un governo serio, autorevole, concreto, efficiente, efficace e sereno». Poi il discorso s'allarga: «Da Rapallo arriverà un messaggio forte anche al governo nazionale e regionale. I danni creati dai governi Prodi e Burlando sono pesantissimi perchè minano la famiglia sotto tutti i punti di vista».