Oltre 350mila gli iscritti al primo sito di incontri extraconiugali

È la Francia ad accettare meglio l'idea che possa esistere il tradimento nel corso di un matrimonio

Lanciato nel dicembre 2009, il sito di incontri extraconiugali Gleeden è diventato una vera community di persone sposate: +24% gli iscritti in giugno, +18% a luglio e +13% in agosto rispetto alla media degli aderenti dei mesi precedenti. Ma le coppie sono state più infedeli questa estate? Non tutti i vacanzieri sono partiti accompagnati dal proprio compagno o dalla propria compagna, e quelli che sono rimasti in città per lavoro non hanno propriamente passato tutto il loro tempo in ufficio, rivela il sito.
«Gli habitué del tradimento, i curiosi, i navigatori per passione - spiega una nota - si sono iscritti numerosi nel corso di questi mesi. L'infedeltà non è un argomento nuovo, e neanche i siti di incontri. Ma prima di Gleeden era necessario iscriversi sui siti di incontri tradizionali per trovare una o un amante, o anche andare su un sito scabroso».
Con una presenza affermata in Europa (80% dei membri) e un'equa ripartizione tra due sessi (su 10 membri, 4 sono donne), la community si pone come obiettivo quello di arrivare a mezzo milione di utenti prima della fine del 2010. La Francia è il Paese dove il sito è più popolare con oltre 170.000 iscritti, seguito dall'Italia con quasi 80.000 membri. «Culturalmente - aggiunge la nota - la Francia accetta meglio l'idea che possa esistere il tradimento nel corso di un matrimonio. E gli italiani cominciano a seguire i loro cugini d'Oltralpe che hanno spianato la strada. Ci sono poi la Spagna e l'Irlanda, seguono gli Stati Uniti, territorio in cui il sito ha previsto il lancio al rientro dalle vacanze».