Oltre 9mila i «paperoni» immigrati

Stranieri Paperoni Sono circa 3 milioni gli immigrati regolari nel nostro Paese: dichiarano redditi per oltre 21 miliardi e versano tasse per quasi 2 miliardi. Il guadagno medio è di 9.500 euro l’anno ma ci sono anche i Paperoni, 9.250 lavoratori di nazionalità diversa che guadagnano oltre 100.000 euro. A fotografare la situazione è l'Agenzia delle Entrate. Non a caso da qualche tempo si trovano guide fiscali in tutte le lingue, a partire dall'albanese all'arabo, dal romeno al cinese.
Dichiarazioni dei redditi più alte in Lombardia. Le dichiarazioni presentate sono oltre 2,3 milioni: per quanto riguarda la provenienza, in testa si colloca la Lombardia con 459.758 modelli F24 nel 2004. In seconda posizione il Veneto, con 260.994 dichiarazioni e terzo infine il Lazio con 224.113.
Dipendenti è meglio. Il lavoro dipendente costituisce il motore di gran lunga più propulsivo tra le fonti di guadagno dei lavoratori stranieri. Quasi 19 miliardi e 500 milioni di euro traggono origine da questa tipologia lavorativa. Segue il reddito derivante da attività d'impresa che si ferma ad 1 miliardo e 190 milioni. In coda il lavoro autonomo: 700 milioni di euro.
Pensionati in arrivo. Saranno 252mila i pensionati stranieri in Italia nel 2015, 332mila nel 2020. La stima è del Dossier Statistico Immigrazione Caritas Migrantes che ha presentato i primi risultati dell’«Essere anziani in immigrazione», completato con i dati dell'archivio Inps. Si stima che nel 2015 gli stranieri presenti nel nostro Paese saranno 6 milioni e che il flusso di pensionamento dal 2006 al 2015 possa coinvolgere 152mila persone, a cui vanno ad aggiungersi i 100mila attualmente in pensione: se tra gli italiani vi è 1 pensionato ogni 5 residenti, tra gli immigrati nel 2015 ce ne sarà 1 ogni 24. Al Nord spetterà il 55% dei pensionati immigrati e al Centro il 29%: a primeggiare saranno la Lombardia (32mila) con un quinto e il Lazio (25mila) con un sesto del totale