Olympia Mtb Challenge, oggi la Cortina-Dobbiaco

La Cortina-Dobbiaco, che lo scorso anno nell’edizione 2004, ha compiuto dieci anni della sua storia, rappresenta una della prove più affascinanti e suggestive dell’intero panorama nazionale del fuoristrada. Inserita per la seconda stagione consecutiva nel circuito Olympia Mtb Challenge, che riunisce nove tra le più belle granfondo del Nord Est, la gara della «Regina» delle Dolomiti si appresta vivere oggi la sua undicesima edizione con ben duemila partecipanti al via. Tra costoro spiccano, grazie alle maglie gialle da leader del circuito, la vicentina Anna Ferrari e il portacolori del team Olympia Nicola Dalto.
Il tracciato facilmente percorribile e poco impegnativo, con i suoi 42 chilometri e un dislivello complessivo di 600 metri, paesaggi incantevoli e l’occasioene di vivere per alcuni giorni nella notissima località ampezzana sono i motivi che hanno portato a Cortina un numero sempre maggiore di biker desiderosi di partecipare alla gf.
Il programma della Cortina-Dobbiaco prevede come di consueto la partenza fissata per le 10.30 dal centralissimo corso Italia, a ridosso del campanile bianco, divenuto punto di riferimento per tutti i biker che gareggiano lungo un tracciato che si sviluppa prevalentemente sul sentiero che corre accanto alla ex ferrovia. Un percorso di gara molto veloce, con poche asperità tecniche su un sentiero ancor più «liscio» nella seconda parte che conduce da Cimabanche a Dobbiaco. Un fatto che probabilmente farà abbassare il record di percorrenza. Quanto? «I lavori fatti recentemente lungo il sentiero della ex ferrovia possono consentire di portare il tempo di gara entro l’ora e 10 minuti», sostiene Marco De Biasi, organizzatore insieme con Gigi De Villa della classica granfondo ampezzana. Tutto pronto quest’oggi dunque grazie anche al prologo coloratissimo di ieri a Fiames con il Kid’s Bike, dedicato ai più piccini.
Quella odierna è l’udicesima e penultima prova dell’Olympia Mtb Challenge. La sfida è contro Nicola Dalto e Anna Ferrari, al via in giallo, i due atleti che dopo dieci combatutissime prove sono ai vertici della classifica. Ma i giochi non sono ancora fatti e la Cortina-Dobbiaco potrebbe essere decisiva.