Omicidio Rostagno: due arresti, l'ordine partì dai boss mafiosi

L’agguato la
sera del 26 settembre 1988 in cui fu ucciso il giornalista-sociologo, uno dei fondatori della comunità
Saman, fu deciso dai capimafia trapanesi. I provvedimenti riguardano Vincenzo Virga, detenuto a Parma, indicato come il mandante, e Vito
Mazzara, accusato di essere il killer, detenuto a Biella

Palermo - L’omicidio di Mauro Rostagno sarebbe stato deciso ed eseguito da capimafia trapanesi. L’inchiesta della polizia di Stato ha portato alla conclusione che furono i boss ad ordinare l’agguato la sera del 26 settembre 1988, uccidendo così il giornalista-sociologo, uno dei fondatori della comunità Saman. Il gip del tribunale di Palermo, Maria Pino, ha emesso due ordini di custodia cautelare su richiesta dei pm della Dda, Antonio Ingroia e Gaetano Paci. I provvedimenti riguardano Vincenzo Virga, già capo del mandamento mafioso di Trapani, attualmente detenuto a Parma, indicato come il mandante, e Vito Mazzara, accusato di essere l’esecutore materiale, detenuto a Biella. I due indagati avrebbero proceduto in concorso con il vecchio capomafia trapanese, Francesco Messina Denaro, deceduto durante la latitanza, e padre di Matteo, ricercato da 16 anni. Il provvedimento è stato emesso dal gip in seguito ai risultati delle indagini condotte della Squadra mobile di Trapani, con il supporto di nuovi accertamenti balistici del Gabinetto regionale di polizia scientifica di Palermo. L’analisi sui tre bossoli trovati sul posto dell’agguato ha accertato che erano stati sparati dalla stessa arma utilizzata all’epoca in altri delitti di mafia nel trapanese.

L’ordine di uccidere Mauro Rostagno sarebbe partito dai vertici della famiglia mafiosa trapanese, in particolare da Vincenzo Virga, considerato il mandante, mentre Vito Mazzara è indicato come l’autore materiale dell’omicidio. Sul delitto del sociologo-giornalista, che da un’emittente televisiva privata, di cui era direttore, denunciava le collusioni fra mafia e politica, hanno anche parlato i collaboratori di giustizia Vincenzo Sinacori e Francesco Milazzo, entrambi ex capimafia trapanesi. Con questa indagine, che riscontra molte similitudini con il modo di operare dei sicari che avevano messo a segno altri delitti all’epoca, viene scartata una volta per tutte il sospetto di una pista interna alla comunità Saman. Rostagno, coniugando cronaca e denuncia, movendo forti ed esplicite accuse nei confronti di esponenti di Cosa nostra e richiamando in termini di speciale vigore l’attenzione dell’opinione pubblica, aveva toccato diversi uomini d’onore e generato nell’ambito del contesto criminale un risentimento diffuso.