Onu, la Moratti presenta i progetti dell'Expo 2015

Il sindaco e il ministro degli Esteri Frattini al Palazzo di Vetro: la metropoli lombarda e l'Italia al centro dell'attenzione internazionale. A Ottobre il Festival dell'Alimentazione 

New York - Il ministro degli Esteri Franco Frattini ed il sindaco di Milano Letizia Moratti hanno presentato a New York, nella sede delle Nazioni Unite, il progetto 'Expo Milano 2015' ed i suoi contributi agli obiettivi del Millennio (che mirano, tra le altre cose, a dimezzare la povertà entro il 2015). Frattini ha spiegato che per la presentazione è stato scelto il Palazzo di Vetro perché "riteniamo che questo sia il primo, importante, esempio di come gli enti locali possono partecipare agli obiettivi del Millennio: l'impegno italiano è un impegno a concorrere agli obiettivi del Millennio, non più soltanto mobilitando fondi nazionali, ma mobilizzando anche capitali privati e gli enti territoriali e gli enti localì. "Questo è il valore aggiunto che noi offriamo - ha detto Frattini - e la migliore occasione è proprio Milano 2015. Quello dell'Expo 2015 é uno dei temi che sono priorità nella agenda del Millennio trattandosi del tema della alimentazione e della sicurezza alimentare, di cui ovviamente la presidenza italiana del G8 l'anno prossimo si farà portavoce".

Letizia Moratti ha illustrato, nel suo intervento, il ruolo che le città possono svolgere per contribuire alle attività del Millennio. E' un contributo che si svolge lungo tre linee di azione. "La prima è quella del raccordo tra agenzie multilaterali, governi centrali, enti locali e gruppi privati - ha detto la Moratti -. Milano ha firmato a giugno un accordo con la Banca Mondiale, ad esempio, sul tema del contributo ambientale nelle aree metropolitane, il primo del genere. Seguono questa linea anche le iniziative per aumentare la consapevolezza della gente. Milano ospiterà ad ottobre il Festival della Alimentazione, che scatterà il 16 ottobre, in coincidenza con la Giornata Mondiale della Alimentazione".

La seconda linea è quella di una "cooperazione sempre più stretta da città a città", ha aggiunto la Moratti, facendo numerosi esempi di accordi già sottoscritti da Milano, dal Cile ai Caraibi.

La terza linea è quella di fare della 'Expo 2015' un "evento bandiera per costruire partnership internazionali".

Il sindaco di Milano ha sottolineato che 450 progetti sono già in fase di sviluppo. Frattini ha messo in evidenza "due importanti circostanze positive: la prima è che Expo 2015 sia stata assegnata a Milano, per la qualità del progetto presentato. Inoltre, questo progetto sarà tra i progetti tematici prioritari dell'agenda 2008/2009 del G8. che avrà la presidenza italiana". "Mobilizzeremo una rete mondiale di enti territoriali - ha detto Frattini - che saranno chiamati dai vari continenti a concorrere con delle proposte: ci sono rapporti che legano Milano ad una rete mondiale di comuni e fanno di Milano il motore di una nuova iniziativa mai realizzata nell'ambito G8 e nell'ambito degli obiettivi del Millennio, cioé come mobilitare gli enti territoriali".