Ooijer un pollo Kuyt un pericolo

7 VAN DER SAR. Indeciso tra l’essere e il non essere: comincia con una mezza papera, si riscatta con parate decisive che lasciano in bilico il risultato fino alla fine.
5 BOULAHROUZ. Oscar al picchiatore emerito. Giustamente castigato.
5 OOIJER. Fa la figura del pollo davanti allo scarto e gol di Maniche. In altri casi aggiusta gli interventi. Il suo rendimento resta sempre sotto la sufficienza.
5 MATHIJSEN. Va a occupare lo spazio più che toglier spazi.
Dall’11’st VAN DER VAART 5. L’impegno di ieri sera non era certo cosa per lui.
5,5 VAN BRONCKHORST. Monocorde. Fa sempre il suo giochino sulla fascia, di più non si sforza.
5,5 VAN BOMMEL. Non ha fantasia, ma nemmeno gran vigoria fisica.
Dal 22’ st HEITINGA 5. Un altro che picchia in una serata piena di picchiatori.
5,5 SNEIJDER. Sprecato nelle lentezza del giocare olandese.

6 COCU. Un po’ perso: ritrova l’anima solo nel secondo tempo, ma niente che cambi volto alla partita.
6 VAN PERSIE. Gli piace tanto far tutto da solo. Può anche farti venire il mal di testa, ma poi non va al sodo. E il gol arancione non arriverà mai.
6 KUYT. È il più concreto dei tre d’attacco. Ti fa sentir peso fisico e non ti lascia mai dormire tranquillo. Lo sanno bene quelli della difesa portoghese.
5 ROBBEN. Un po’ troppo alterno. Bello da vedere, meno da toccare.
All. VAN BASTEN 5. Sbaglia partita o forse ha una squadra ancora acerba.
Arbitro: IVANOV 4. Otto ammoniti, quattro espulsi: la partita gli è scappata di mano.