Opa su Endesa: alt a Gas Natural

da Madrid

Un Tribunale civile spagnolo ha sospeso l’offerta da 22 miliardi di euro di Gas Natural su Endesa, mentre valuta un esposto che presenta una serie di obiezioni sull’operazione. Si tratta di uno dei tanti esposti che Endesa ha presentato nel tentativo di bloccare il takeover. La decisione dei giudici dice che Endesa deve depositare una garanzia bancaria da un miliardo, a fronte dei danni potenziali che possono derivare dalla sospensione. Secondo fonti di settore, il cda di Endesa si riunirà nei prossimi 10 giorni per decidere se depositare la garanzia, senza la quale la sospensione sarebbe annullata. Endesa ha chiesto al tribunale di sospendere l’offerta e un accordo a latere che Gas Natural ha stipulato con Iberdrola per la vendita di alcuni asset, secondo i documenti presentati per l’esposto. Endesa ritiene che Gas Natural e Iberdrola abbiano raggiunto accordi illegittimi al fine di togliere Endesa dal mercato. Gas Natural replica che il suo accordo con Iberdrola è separato e può verificarsi solo in seguito al takeover. Gas Natural ha un accordo per vendere a Iberdrola asset per un valore di 7-9 miliardi di euro, accordo che è condizionato al completamento del takeover su Endesa a certe condizioni. Il mese scorso la tedesca E.On ha lanciato un’offerta tutta cash per 29 miliardi. L’Opa cash e azioni di Gas Natural vale 22,6 miliardi, ma si prevede che la società aumenti il prezzo.