Opel Corsa con tanta sostanza

FrancoforteDopo quattro anni di indubbio successo, con circa 1,5 milioni di unità vendute, Opel Corsa riceve quello che ormai è divenuto il tradizionale aggiornamento di medio termine, mirato a riattizzare l’interesse del pubblico verso un modello che non è più una novità. Ma Opel ha deciso di andare totalmente contro corrente, nel senso che l’estetica di Corsa non è stata rivista neppure con una minima invenzione grafica. L’aggiornamento è tutto di sostanza, sotto la pelle immutata e, indubbiamente, ancora piacevole e giovane.
È una decisione coraggiosa, a fronte di un mercato difficile come si presenta quello del 2010, ma anche di grande etica da parte della casa nei confronti del pubblico, cui viene proposta una vettura di grandi contenuti, e a prezzi molto aggressivi, che realizzano un rapporto di controvalore attraente.
Opel Corsa è stata sottoposta a una radicale rivisitazione di tutti i propulsori che ora consumano almeno il 10-11% in meno, emettono meno CO2 in ragione della stessa percentuale (ovviamente), ma sviluppano più coppia e più potenza.
Nella gamma a benzina, il 1.000 cc e il 1.200 cc incrementano la potenza rispettivamente da 60 a 65 cv e da 80 a 85 cv, mentre il 1.400 cc fa un balzo di 10 cv, da 90 a 100.
I due turbodiesel fanno registrare incrementi prestazionali e affinamenti generali ancora più rilevanti. Il turbodiesel 1.3 Cdti, pilastro delle vendite della gamma anche nel nostro Paese, compie un balzo di ben 20 cv, passando da 75 a 95 cv e 190 Nm di coppia massima, grazie a un nuovo turbo a geometria variabile e a un sistema di alimentazione hi-tech, che hanno fatto scendere il consumo medio a soli 3,7 litri per 100 chilometri e le emissioni di CO2 a soli 98 g/km. Il filtro anti-particolato è di serie.
Per il modello assistiamo, dunque, a un salto di qualità enorme, a fronte di un incremento di prezzo di soli 600 euro rispetto all’attuale listino di Opel Corsa 1.3 Cdti da 75 cv e senza filtro antiparticolato. Il turbodiesel 1.7 Cdti è cresciuto comparativamente meno in potenza, da 125 a 130 cv, ma ora dispone di una coppia massima di ben 300 Nm con una curva di erogazione vigorosa che lo rende straordinariamente elastico e poderoso nella progressione.
Qui i tecnici di Gm Powertrain di Torino hanno fatto un lavoro formidabile sviluppando e ingegnerizzando, con i colleghi motoristi, un rivoluzionario sistema integrato di gestione motore che, assieme a una nuova termodinamica avanzatissima e a un esclusivo turbo a geometria variabile, ne fa il nuovo leader tecnologico per la cilindrata. Inoltre, il nuovo 1.7 Cdti ha ridotto i consumi a soli 4,5 litri/100 km e a 118 g/km le emissioni di CO2.
Abbiamo scelto proprio Corsa 1.7 Cdti per verificare al limite gli aggiornamenti tecnici cui sono stati sottoposti gli assetti dell’autotelaio e dello sterzo. La nuova Corsa 1.7 Cdti si è dimostrata vettura estremamente matura, sicura, solida, precisa, frutto di un meticoloso lavoro di sviluppo ingegneristico. Il nuovo propulsore assicura una velocità di 200 orari e doti fulminee di accelerazione e ripresa (0-100 in 9,5 secondi, 80-120 in quinta marcia in 9,3 secondi), e l’autotelaio si è dimostrato perfettamente in grado di imbrigliarlo e di assicurare una guida brillante, sicura, precisa, esente da sbavature, con gradi doti di stabilità e tenuta, nonché con uno sterzo preciso e sensibile. Mentre una grossa sorpresa è arrivata dal comfort acustico, segno di un ulteriore lavoro di affinamento su un fattore che contribuisce grandemente alla qualità della vita a bordo.