Opel Per salvarsi scambia debiti con brevetti

Importante passo avanti di Opel sulla strada verso il proprio salvataggio. Secondo quanto riportano i quotidiani tedeschi Sueddeutsche Zeitung e Handelsblatt, la società automobilistica ha raggiunto con la casa-madre General Motors un accordo del tipo «debiti al posto dei brevetti». In concreto, Opel riceverà indietro da General Motors i brevetti sui propri modelli, ceduti diversi anni fa, e rinuncerà in cambio ad alcuni crediti pendenti. Secondo i due quotidiani, il governo statunitense, a cui General Motors ha dato in pegno i brevetti di Opel, deve ancora concedere il suo via libera allo scambio. Tuttavia, chiarisce la Sueddeutsche Zeitung, Opel non si aspetta uno stop da Washington, in quanto tale modello ha un certo «charme» per la stessa amministrazione americana, poiché in tal modo Gm avrebbe meno pendenze. La questione dei brevetti è centrale per Opel, azienda che lotta per non dichiarare l’insolvenza. La casa tedesca vuole infatti rendersi più indipendente dall’americana General Motors.