Open d'Italia: nella prima giornata del torneo è in testa Backstrom

Debutto folgorante di Joakim Backstrom. Sul percorso del Castello di Tolcinasco lo svedese completa il primo giro in 62
colpi, 10 sotto il par. Un margine di tre lunghezze sull’inglese Heath
e di quattro sul gruppetto composto dal belga Colsaerts, l’inglese Griffiths ed il danese Hansen. Molinari parte bene

Tolcinasco (Milano) - Debutto folgorante di Joakim Backstrom (nella foto) all’Open d’Italia. Sul percorso milanese del Castello di Tolcinasco il 29enne svedese ha completato il primo giro in 62 colpi, 10 sotto il par, sfiorando il record stagionale dell’European Tour, realizzato con -11 a marzo dal thailandese Chapchai Nirat nel Tcl Classic cinese. Mentre il primo giro è ancora in corso Backstrom ha un margine di tre lunghezze sull’inglese James Heath e di quattro sul gruppetto composto dal belga Bicolas Colsaerts, l’inglese David Griffiths ed il danese Anders Hansen. Francesco Molinari, vincitore della passata edizione, è contento per il suo esordio. Il torinese chiude a -5: "Sono soddisfatto del mio rendimento. Ho avuto una buona partenza, poi nella seconda parte del tracciato ho avuto qualche problema, soprattutto con il putter. Ho avuto un pizzico di sfortuna alle buche 6 e 7: mi auguro che le cose si compensino domani. Il campo non è difficile, è solo un po più lungo rispetto allo scorso anno".

Un po' meno sodisfatto è Emanuele Canonica: "Non è stato il giro che mi aspettavo. Anzi direi che sono andato malino, soprattutto con il putter. Ho segnato un bogey alla 12, dopo aver infilato due birdie nelle buche iniziali (è partito dalla 10). Un vero peccato perché il campo era abbastanza abbordabile e ottenere uno score di sei o sette colpi sotto par era assolutamente alla portata. Un occasione sciupata, ma per come ho giocato va bene il 70".