Operaio morto, il processo a maggio

Il 2 maggio inizierà in tribunale il processo ai cinque rinviati a giudizio per il crollo del costruendo Museo del mare (8 novembre 2003), che causò la morte dell’operaio albanese Albert Kolgiesa di 29 anni e il ferimento di 5 compagni di lavoro. «Mancano pochi giorni ma i genitori e i 7 fratelli - lamenta il loro legale Giuseppe Gallo - che hanno chiesto un risarcimento di un milione 240 mila euro e una provvisionale esecutiva di 500 mila euro, ancora non hanno ricevuto un solo spicciolo». Anche tre operai feriti si sono costituiti parte civile con l’assistenza degli avvocati Giacomo Gardella e Maurizio Tonnarelli. Altre parti lese sono il Comune di Genova e la società «Porto Antico», patrocinati da Camillo Ciurlo. Imputati: i progettisti spagnoli Consuegra e Canas, e i genovesi Andrea Pepe, Vincenzo Papaluca e Aldo Signorelli.