Operaio morto su Gra, il primo indagato

C’è già il primo indagato per la morte di Francesco Blasco, l’operaio di 20 anni ucciso dal crollo di un pannello di cemento, mentre stava lavorando in un cantiere aperto per la costruenda terza corsia del Grande raccordo anulare. È il responsabile dei lavori indagato, come atto dovuto, dal pm Anna Maria Gregori, per il reato di omicidio colposo. Il pm - l’indagine è coordinata dal procuratore aggiunto Granfranco Amendola - ha disposto l’autopsia sul corpo di Blasco dando la possibilità alle parti di nominare dei consulenti. Intanto lo stesso Amendola, secondo quanto si è appreso, ha avviato, oltre all’inchiesta sulla sicurezza del lavoro, una inchiesta conoscitiva sul sistema degli appalti.