Operazione anti-prostituzione Fermate 43 «lucciole» dell’Est

Operazione di controllo anti prostituzione e contro l’immigrazione clandestina da parte dei carabinieri della compagnia di Pomezia. Controllate le strade più «a rischio» dietro segnalazione degli abitanti, stanchi di vedere scene di prostituzione nei pressi delle loro case. Il controllo ha riguardato anche i clienti delle prostitute, che spesso si fermano a contrattare rimanendo con le auto sulla carreggiata, cosa che crea rischio di incidenti. Il «blitz» ha portato al fermo di 43 prostitute, tutte clandestine, per le quali sono scattati i provvedimenti di espulsione dal territorio nazionale. Tra di loro due minori che sono state accompagnate al centro di accoglienza per minori di Roma. Altre due donne sono state arrestate perchè non avevano ottemperato al decreto di espulsione già emesso nei loro confronti in base alla legge Bossi-Fini. Inoltre, sono state sequestrate tre vetture di altrettanti avventori, trovati non in regola con i documenti di circolazione e contestate decine di contravvenzioni al codice della strada, soprattutto per intralcio alla circolazione stradale.