Opere pubbliche: per il 2009 «varato» un piano da tre miliardi

«Non è un libro dei sogni». Garantisce l’assessore milanese ai Lavori pubblici Bruno Simini, sfogliando il Piano delle opere pubbliche 2009 approvato ieri dalla giunta. Quasi 3 miliardi di euro, di cui più di due destinati allo sviluppo della rete metropolitana. Ma oltre la metà degli investimenti - circa 1,7 miliardi - arriveranno da fondi extra-comunali. Tra i progetti più urgenti ci sono la costruzione di una nuova scuola al quartiere Adriano (per otto milioni di euro), la messa in sicurezza di edifici e aree comunali per contrastare ogni forma di occupazione abusiva (4 milioni), la riqualificazione di viale Forlanini (3,5 milioni) ma anche la manutenzione straordinaria delle fontane cittadine (2 milioni).
Simini fa presente che quasi cento milioni di euro «sono solo per le infrastrutture stradali, con un’attenzione particolare alla manutenzione, per favorire soprattutto i pedoni e l’uso delle due ruote». Dalla creazione di piste ciclabili a percorsi pedonali protetti a vernici mangiasmog. Per il piano di illuminazione sono previsti 21 milioni, in modo da creare «un percorso luminoso dalla periferia al centro». Già previsto invece il finanziamento per realizzare la sede riservata per la linea 92 del tram da viale Abruzzi a via Dei Mille.