Ora il 25 aprile per la Regione cade a novembre

Qualcuno ieri un’occhiata preoccupata al calendario deve averla data. Che ci fa un ospucolo di un’ottantina di pagine sul 25 aprile infilato come supplemento gratuito nel Secolo XIX del 24 novembre? La domanda che si sono fatti molti genovesi ieri mattina in edicola dopo aver avuto rassicurazioni sul fatto che le stagioni sono comunque sempre quelle di una volta, è forse l’unica che non ha invece rivolto Gianni Plinio al presidente del consiglio regionale Mino Ronzitti. Gli altri interrogativi, per l’appunto, ci sono tutti. Che bisogno c’era di stampare e pubblicare a pagamento questo opuscolo? Quanti soldi pubblici sono stati spesi? Se questo pare il momento migliore per dimostrare ai cittadini come si possono usare le finanze della Regione? Come mai vengono sempre e solo riproposte le «solite» pagine di storia? Si intende per caso stampare e diffondere «per non essere sospettati di strabismo (...)