Un’ora al buio per far finta di salvare il mondo

Come se bastasse. E come se - direbbe qualcuno - ce ne fosse davvero bisogno. Comunque, oggi il mondo spegnerà la luce per un’ora. Per dire stop all’emergenza clima questa sera dalle 20,30 alle 21,30, ognuna a seconda del proprio fuso orario, 3mila città di tutto il pianeta faranno scattare un blackout volontario. Sarà l’ora della terra, l’«Earth Hour», la mobilitazione globale lanciata dal Wwf due anni fa in Australia e che quest’anno ha raggiunto cifre record: aderiscono al progetto quasi 3.000 città (oltre 160 solo in Italia) tra cui 66 capitali, in 83 Paesi nei sette continenti e 829 monumenti ed edifici simbolo. Ed è assalto al web con 1,1 mln di contatti nella rete sociale, ogni 0,8 secondi seguiti online i video di promozione, tra i temi più cliccati su Twitter, mentre come termine «Earth Hour» è apparso nelle ultime 24 ore quasi un milione di volte nel web.
Eventi speciali sono previsti a Roma dove il capitano della Roma, Francesco Totti, spegnerà il Colosseo premendo un maxi-interruttore, e a Venezia gondole in fiaccolata a Ponte di Rialto. Un pallone aerostatico sorvolerà San Pietro.
E così dalle piccole nazioni insulari del Sud Pacifico alle città più popolose di Asia e America, da Monteriggioni e Loro Piceno a Roma, Milano, Napoli, Venezia e 160 altre località in Italia, milioni di persone parteciperanno all’Earth Hour dando il loro segnale contro il riscaldamento globale. «Un segnale che speriamo i governi di tutto i mondo accolgano nell’anno del clima», afferma il Wwf sottolineando che «già lunedì a Bonn, in Germania, inizieranno i negoziati che dovranno tracciare l’ossatura e i contenuti del nuovo accordo globale; l’incontro terminerà l’8 aprile e sarà anche l’esordio del nuovo inviato speciale Usa sul Clima, Todd Stern».
Intanto questa sera monumenti-simbolo del nostro pianeta come le Piramidi di Giza, l’Acropoli di Atene, la Cupola di san Pietro, la Tour Eiffel a Parigi, la Torre Cn a Toronto, lo Stadio Nido d’uccello a Pechino, la Statua del Cristo Redentore a Rio de Janeiro, Tapei 101 (l’edificio più alto del mondo), la Torre di Londra così come l’Empire State Building a New York e il castello di Edimburgo si spegneranno per un’ora. Un’occasione della quale approfittare. Magari anche solo per una cena romantica, a lume di candela.