Ora Burlando non si faccia vedere allo stadio

Gli «sconti» applicati alla Lazio, alla Fiorentina, al Milan e alla Juventus dimostrano in modo ancora più evidente che sono stati usati pesi e misure diverse rispetto a quando fu emessa la sentenza contro il Genoa.
In quell'occasione fu umiliata non solo la squadra ma tutta la città ed anche in quel caso solo in pochi avevamo fatto sentire la nostra rabbia, cercando inutilmente di stimolare il Sindaco, il Presidente della Provincia ed il Presidente della Regione affinché dessero voce all'indignazione della città.
Come già fatto più volte l'anno scorso, anche adesso scriverò al Presidente Burlando affinchè si attivi per difendere la dignità del Genoa e se non vorrà farlo almeno abbia il pudore di non andare più allo stadio, tra tanti tifosi che ha tradito, per far finta di fare il tifo per una squadra che ha abbandonato.
In questa città esiste una sinistra becera che non ha neanche il coraggio di difendere il Genoa. Farebbero bene a cercare di imparare dai loro colleghi Veltroni e Dominici che si sono battuti con passione per difendere le squadre della loro città.
Matteo Rosso
Consigliere regionale Forza Italia
Vicepresidente commissione
regionale dello Sport