«È ora che l’Irak si dia un governo»

È ora che i leader iracheni formino un governo di unità nazionale, com’è desiderio del loro popolo: lo ha detto il presidente George W. Bush, parlando a Fort Wheeling nella West Virginia a un pubblico essenzialmente composto da famiglie di militari. Bush ha ricordato che «i terroristi lavorano per provocare una guerra civile» e ha ribadito d’avere fiducia nel successo degli Usa in Irak, perché «se non credessi nella vittoria richiamerei le truppe, non avrei cuore di lasciarle lì», mentre il ritiro avverrà quando la missione sarà compiuta e quando i comandanti sul terreno lo giudicheranno possibile. Bush ha definito il suo messaggio «d’ottimismo e di realismo». «Il mio dovere - ha affermato il presidente americano - è affrontare le minacce alla sicurezza prima che si materializzino».