Ora ci attendiamo piazza Fidel Castro

Sull’edizione del Giornale di oggi è stata pubblicata l’incredibile lettera di Italo Ferraro fu Luigi, figlio della Medaglia d’Oro al Valor Militare Luigi Ferraro morto il 5 gennaio 2006, del quale mi onoravo dell’amicizia e porterò sempre un ricordo indelebile.
Ma non è di questo che voglio parlarvi ma bensì di quanto pubblicamente denunciato dal figlio Italo.
In pratica il Sindaco di Genova ha negato la sepoltura di Luigi «Gigi la Peste» Ferraro, nato a Genova, ma anche suo cittadino onorario, nel Pantheon di Staglieno dove sono sepolti tutti i genovesi illustri e, quindi, sarà sepolto a Trieste accanto alla sua adorata moglie (anch’essa Medaglia d’Oro al Valor Militare).
Il perché della negata sepoltura a Genova deve ricercarsi nel fatto che Ferraro sarebbe stato «fascista» per i i suoi trascorsi giovanili e per le sue imprese militari. Ce ne fossero di fascisti come Ferraro.
Questa vergognosa e indecente figura il sindaco Pericu e la sua Giunta se la potevano proprio evitare, ma tant’è.
E mi raccomando iniziate per tempo le pratiche per intitolare una bella piazza a Fidel Castro, lui sì che merita cotanto onore cittadino. Saluti.