«Ora il circuito 7 Gold è ottava rete generalista»

Dopo Rai, Mediaset e La7, tra le Tv generaliste, si attesta - tra le mille difficoltà di una piccola rete che deve combattere con dei giganti - 7 Gold, il circuito nazionale nato dalla fusione tra Telepadova, Telecity e Sesta Rete. Entrato in Auditel a gennaio, ora 7 Gold ha la certificazione dei propri ascolti, che per il responsabile dei palinsesti Giorgio Galante sono «incoraggianti». In particolare, i dati di ascolto rilevati nei primi tre mesi 2006 mostrano che in seconda serata (dalle 22,30 alle 2 di notte) la rete è stabilmente sull’uno per cento. La prima serata, invece, a gennaio-febbraio si è attestata sullo 0,48 per cento, a marzo sullo 0,59. E, in alcuni casi, si registrano picchi del 2 per cento, soprattutto per i film e lo sport. «Per noi - spiega Galante - essere ufficialmente rilevati dall’Auditel è un passo ulteriore di crescita. Sia dal punto di vista editoriale sia come impatto psicologico sugli investitori pubblicitari. Già, dopo i primi mesi, abbiamo notato una maggiore attenzione da parte delle aziende».
7 Gold, nata nel 2000, copre attraverso un circuito di reti locali l’intero territorio nazionale tranne la Sardegna (che presto però sarà raggiunta). Offre 12 ore di programmazione di film, telefilm, cartoon e notiziari. La maggiore attenzione è concentrata sullo sport: i fiori all’occhiello sono infatti i programmi Diretta Stadio, Tg7 Sport, Speciale Champions. «Novità del nostro palinsesto è uno show dedicato al Guinness dei primati. Dovremo poi mettere a posto la programmazione del pomeriggio dove non funzionano le telenovelas e puntare di più sui film».