«Ora dormo solo in stanze blindate»

Simona Izzo, anche lei ha subito una rapina in casa di recente. Cosa ne pensa del caso di Fucecchio?
«Un episodio increscioso per entrambi, soprattutto per la persona che non c’è più. Comunque io ho subito più di una rapina».
Ci racconti.
«Nella prima, mio marito Ricky (Tognazzi ndr) ha messo in fuga i ladri urlando «Al ladro» prima che scassinassero del tutto il cancello».
Poi cosa è successo?
«Dato che abitiamo in un antico casale fuori Roma, abbiamo installato allarmi e creato una sorta di "panic room", con tre porte blindate alte tre metri e mezzo».
E la seconda rapina?
«Fortunatamente dormivamo, chiusi nelle stanze blindate».
Se i ladri vi avessero trovati svegli?
«Avrei detto: “prendete quello che vi pare“».
Come le è cambiata la vita?
«Dopo mezzanotte non riesco stare tranquilla. Appena sento un rumore corro nella stanza blindata dove comunque mi chiudo sempre dopo l'una».
Cosa le ha dato più fastidio?
«Che mi abbiano rubato tutti i gioielli. E i quadri di Ugo (Tognazzi ndr), che oltre ad essere un grande attore era un grande collezionista di arte».
Secondo lei la legge sulla «difesa legittima» è giusta?
«La capisco, ma mi fa molta paura. Perché può sfociare in un omicidio, cosa che crea un enorme danno psicologico a chi lo compie».
Terrebbe mai un’arma in casa?
«Le pistole mi fanno paura solo a vederle».