«Ma ora la famiglia troverà il sostituto»

«L'arresto di Paolo Di Lauro non cambia lo scenario criminale nei quartieri di Secondigliano e Scampia. Non è l'arresto di 50 o 500 persone, come è avvenuto negli ultimi 4 anni, a trasformare questi due quartieri di Napoli da regno del male in luoghi normali». Lo ha detto all'Adnkronos il pm Giovanni Corona. «Ho ovato che le persone che finivano in carcere trovavano sempre dei sostituti. Se l'arresto di Di Lauro fosse avvenuto mentre era in atto lo scontro tra i fedelissimi della cosca degli scissionisti, allora avrebbe dato più forza alla faida. Ma adesso che tra le due bande è insorta la pax camorristA, non credo che possano esserci degli strascichi». «Tutto ciò, quindi, -ha concluso Corona- non provocherà contraccolpi nell'organizzazione e tutto continuerà come prima, fermo restando che non daremo loro tregua»